INTERNET È LA CHIAVE DEL SUCCESSO.

DAI IMMAGINE ALLA TUA AZIENDA. ORA !

Mercoledì, 03 Settembre 2014 09:34

Hacker sveste le celebrità su Icloud

Vota questo articolo
(0 Voti)

1410029144 Login-KeyI vips nudi e la paura per la privacy.

Le affermazioni di rassicurazione sono arrivate subito attraverso le parole di Natalie Kerry, portavoce di Apple sul sito Re/Code: "Prendiamo la privacy degli utenti molto sul serio". A pensare ad eventuali scossoni in borsa c'erano gia le imminenti uscite di lPhone 6 e IWatch che hanno infatti garantito al titolo un'ottima tenuta a Wall Street. Non bastava il Datagate e tutto il vortice di polemiche suscitato dal caso delle informazioni spiate, ad alzare la tensione ora anche l'azione di un hacker che ha rubato e pubblicato numerose  di foto di celebrità nude su alcuni tra i più importanti social media.  

Lo scandalo della Nuvola, la ormai famosa Cloud sulla quale i suoi più di 320 milioni di utenti possono memorizzare contenuti e accedervi dai loro dispositivi, ha coinvolto un centinaio di stars tra le più in vista del momento, tra cui Jennifer Lawrence, Kim Kardashian, Rihanna e Hillary Duff .

Nei giorni scorsi è circolato sul web, in particolare su Github e su HackerNews, un testo su come accedere alle password di Icloud approfittando di un difetto dell'applicazione "Trova il mio Iphone", anche se  dalla Silicon Valley non sono mai arrivate ammissioni di problematiche legate alla vulnerabilità del prodotto. La falla di sistema permetteva tentativi di accesso illimitati nonostante l'errore di digitazione della password segreta del profilo e inoltre non prevedeva l'invio di alcun avviso che notificasse al legittimo proprietario dell'account i ripetuti tentativi di log in.

La situazione non vuole essere paragonata in nessun modo a quello che rimane uno degli scandali più gravi che hanno coinvolto negli ultimi anni i vertici internazionali in materia di sicurezza e minato seriamente la fiducia in tutte le istituzioni: al contrario questa notizia fa sorridere in molti, tanto che le cronache si sono soffermate maggiormente sulle reazioni delle vips cuccate senza veli e sulla richiesta di denaro dell'hacker autore della sexy rapina in cambio dei video osé che vedrebbero coinvolte le star in questione. Ma anche un caso come questo, inserito in un contesto di sfiducia generale scaturito  dalle rivelazioni di Edward Snowden non fa che alimentare il fuoco delle polemiche intorno al tema privacy e sicurezza della nostra realtà internettiana.

e-max.it: your social media marketing partner
Letto 1509 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.